Dalla a alla zama

zama lega

A come Ambiente: la pressofusione di zama produce trascurabili emissioni in aria e acqua, scarti di produzione riciclabili e minimizza il consumo energetico rispetto a materiali alternativi. Le leghe di zinco sono inoltre conformi alle attuali normative vigenti in particolare la norma ELV (fine vita del veicolo), la norma ROHS (restrizione delle sostanze pericolose) e la norma WEEE (scarti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche).

B come Bassa usura delle attrezzature: il basso punto di fusione della zama minimizza l’usura dello stampo, permettendo una garanzia di vita delle attrezzature più lunga e efficiente.

C come Conducibilità termica : la buona conducibilità termica ed elettrica della zama la rende adatta a produrre dissipatori, guide d’onda e schermature EMI.

D come Durezza: la durezza delle leghe di zinco è maggiore rispetto a quella di alluminio e magnesio e paragonabile a quella dell’ ottone. La zama con più alte percentuali di rame ha una durezza maggiore. Questo è sicuramente un vantaggio nel caso in cui i particolari vengano utilizzati in condizioni particolarmente sfavorevoli per quanto riguarda l’usura.

E come Economica : la zama risulta essere economica non solo come materia prima rispetto a materiali quali l’ottone, ma soprattutto in riferimento ai costi di processo e alle economie di scala che si possono raggiungere nella produzione di alti volumi con le stesse attrezzature.

F come Finiture: ai particolari pressofusi in zama è possibile applicare diversi tipi di finitura con una qualità senza rivali ; dalla verniciatura alle finiture metalliche gal¬vaniche superiori (come nickel, satinatura e cromo lucido), ogni trattamento superficiale risulta affidabile.

G come Garanzia di affidabilità : dei particolari in zama nelle loro più svariate applicazioni, e delle attrezzature nel loro prolungato utilizzo.

H come High- technology : il grande sviluppo nel settore della pressofusione ha permesso alle aziende operanti nel settore di utilizzare macchinari altamente tecnologici quali macchine elettriche e robot automatizzati che hanno permesso di ottimizzare i tempi di produzione, i costi e i consumi di energia, garantendo alte performance qualitative.

I come Immaginazione : il processo di pressofusione permette ai tecnici di immaginare qualsiasi geometria nella progettazione di un prodotto in zama.

L come Lavorabilità meccanica: i pressocolati in lega di zinco hanno una buona lavorabilità meccanica, con una conseguente qualità di finitura e produttività elevate.

M come Metallo : la zama è una lega metallica composta prevalentemente da Zinco, Alluminio e Rame, uniti in quantità differenti a seconda della lega che si desidera ottenere ( ZP3,ZP5,ZP2,ZP8).

N come Novità: questo materiale è utilizzato nell’industria da meno di un secolo e il suo utilizzo è un nuovo e valido sostituto all’utilizzo di materiali più “antichi” quali l’ottone e l’alluminio.

O come Ottimizzazione : l’ottimizzazione dei tempi di processo e dei costi di gestione è sicuramente un fattore altamente competitivo del processo di pressofusione della zama.

P come Precisione: l’utilizzo di macchinari di alto livello, unitamente alle caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale e alla possibilità di effettuare lavorazioni di ripresa, assicurano un livello di precisione al centesimo.

Q come Qualità : la produzione di particolari in zama assicura performance qualitative elevate e conformi alle richieste dei clienti sia a livello tecnico che estetico.

R come Resistenza : la resistenza all’ impatto delle leghe zama è, alle temperature ambiente, decisamente maggiore di quelle dell’alluminio e del magnesio. Anche a temperature molto basse, circa -40°C, la resistenza all’ impatto della zama è migliore di quella dell’alluminio. Rispetto alle plastiche, le leghe di zinco hanno un valore di resilienza almeno 4 volte maggiore.

S come Spessori: l’elasticità della zama permette di progettare particolari con spessori ridottissimi e pareti anche inferiori al millimetro.

T come Tolleranze : in un pressofuso in zama le tolleranze possono essere ridottissime, permettendo agli operatori del settore di lanciarsi in sfide all’ultimo centesimo.

U come Usi molteplici: i pressofusi in zama hanno innumerevoli campi d’applicazione, dall’edilizia all’elettronica, dalla serramentistica al tessile, dall’arredamento all’automotive. Perché non inventarci altre applicazioni a seconda delle vostre esigenze?

V come Volumi elevati: la pressofusione della zama assicura economie di scala per la produzione di volumi elevati, garantendo un alto livello di qualità dal primo all’ultimo particolare prodotto, grazie alla continua ed economica manutenzione delle attrezzature.

Z come ZAMA: il nostro bene più prezioso!

Share by: